I nostri atleti ai Giochi Olimpici di Parigi 2024: tiro con l'arco con Audrey Adiceom - video

Da Graziella de Sortiraparis, Rizhlaine de Sortiraparis · Foto di Graziella de Sortiraparis · Pubblicato su 11 febbraio 2024 alle 13:00
Scoprite la nostra intervista con Audrey Adiceom, arciera e atleta francese, che purtroppo non si è qualificata per i Giochi Olimpici di Parigi 2024, ma che parla del suo sport con passione!

I Giochi Olimpici di Parigi 2024 si avvicinano, e con essi i preparativi degli atleti olimpici si intensificano di mese in mese, per essere pronti a raccogliere il maggior numero possibile di medaglie dal 26 luglio all'11 agosto 2024. Abbiamo scelto di incontrare una decina di atleti francesi che si sono già qualificati o che cercheranno di qualificarsi negli ultimi mesi prima della competizione, per farvi scoprire la loro passione e il loro mondo! È l'occasione per conoscere meglio alcune discipline meno note al grande pubblico o aggiunte di recente al programma olimpico, e per sostenere gli atleti che hanno toccato il vostro cuore!

Per la terza intervista di questa serie, abbiamo incontratoAudrey Adiceom, 27 anni, che ha parlato a Sortir à Paris del suo sport, il tiro con l'arco, che pratica da quando aveva 10 anni. Purtroppo, dopo questa intervista, non è stata selezionata per i Giochi di Parigi 2024, ma le auguriamo il meglio per le prossime Olimpiadi!

Tir à l'arcTir à l'arcTir à l'arcTir à l'arc Parigi 2024: programma degli eventi, storia, atleti, tiro con l'arco ai Giochi Olimpici
I Giochi Olimpici di Parigi 2024 sono un'occasione per i francesi di scoprire o interessarsi maggiormente a sport più o meno tradizionali. Diamo uno sguardo al tiro con l'arco: la sua storia, i luoghi in cui può essere praticato, i nostri migliori atleti e anche il programma degli eventi! [Per saperne di più]

Cos'è il tiro con l'arco in poche parole?

Bisogna scagliare diverse frecce, a una distanza di 70 metri, verso un bersaglio di 122 centimetri e l'obiettivo è colpire il 10, cioè il cerchio più piccolo al centro.

Come sono organizzati gli eventi?

Alle Olimpiadi ci saranno cinque eventi diversi: individuale maschile e femminile, a squadre maschili e femminili (composte da tre persone) e misto! Ci sarà un turno di qualificazione in cui si tireranno 72 frecce, ottenendo un punteggio su 720, e poi ci saranno incontri a eliminazione diretta: il primo incontra l'ultimo, il secondo incontra il penultimo e così via. Il campione olimpico è colui che vince tutti i suoi incontri!

Come funziona la qualificazione per il 2024?

In quanto Paese ospitante, la Francia dispone già di tre quote, ossia tre posti per le ragazze e tre per i ragazzi. Quindi l'obiettivo per i francesi è quello di essere uno di questi tre. Ci stiamo allenando tutti all'INSEP, i sei migliori francesi, uomini e donne, e nel gennaio 2024 faremo una selezione finale per scegliere quattro persone, che parteciperanno alla Coppa del Mondo e ai campionati, e alla fine di giugno sapremo chi saranno i partecipanti ai Giochi Olimpici(N.d.T.: Caroline Lopez, Lisa Barbelin, Amélie Cordeau e Victoria Sébastien sono state selezionate finora).

Cosa ne pensa di questa lunga attesa?

Sembra enorme, ma alla fine mancano solo pochi giorni! So che le persone della mia età lavorano, sono più o meno appassionate del loro lavoro e io sono appassionata del mio sport, quindi è bello allenarsi per qualcosa di così grande.

Audrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arc

Dove si svolgono gli eventi? Cosa ne pensa di questo luogo?

Siamo molto fortunati, sarà meraviglioso, venite a vederci perché sarà sull'esplanade des Invalides, e sarà fantastico!

Quali sono i Paesi che rappresentano la concorrenza più dura per voi?

I più forti da decenni sono i sudcoreani, perché lì si allenano come matti fin da piccoli, intorno ai 6-8 anni.

Qual è la differenza in termini di preparazione alle Olimpiadi in patria?

Parliamo già un po' di più di tiro con l'arco, quindi va bene, ma abbiamo anche più mezzi finanziari. Per esempio, io lavoro, sono uno sviluppatore di computer e sono distaccato al 100% per fare tiro con l'arco tutto il giorno. Se i Giochi fossero stati altrove, forse avremmo avuto meno aiuto, ma qui è davvero incredibile, se abbiamo un bisogno, abbiamo immediatamente quello che ci serve per le nostre prestazioni.

Siete insieme come squadra e l'uno contro l'altro come individui: come riuscite a rimanere uniti?

Siamo uno di quegli sport in cui un giorno giriamo individualmente e il giorno dopo come squadra. Qui, per esempio, siamo tutti molto amici e tra tre mesi saremo solo quattro su sei, ma questo è anche il bello del tiro con l'arco. Ma è anche il bello del tiro con l'arco: si sviluppano le qualità necessarie per uno sport individuale, ma anche per uno sport di squadra, quindi coesione, sostegno reciproco, discussione, e noi lo facciamo funzionare perché siamoveri amici. Credo che per questo non ci siano troppe preoccupazioni, perché sono davvero felice per gli altri quando hanno successo e viceversa.

Audrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arc

Parlaci della tua storia con il tiro con l'arco!

Ho iniziato a scuola con il CM2, mi sono appassionato subito e poi ho fatto un'iniziazione a una grande fiera, quella di Cournon in Alvernia, perché sono cresciuto lì, anche se sono nato a Levallois-Perret. Da allora, mi sono iscritto al club degli Arcieri Riomois, che era proprio accanto a me, e ho aumentato il mio livello al mio ritmo. Poi sono entrato in una struttura di alto livello, subito dopo aver superato la maturità, quindi a 18 anni, che è un po' tardi per il tiro con l'arco. All'INSEP si entra spesso a 14-15 anni, e io sono qui e nella squadra francese dal 2017!

Cosa ti ha dato il tiro con l'arco nella vita?

Un po' di tutto! Prima di tutto, i valori. Prima ero molto laboriosa, ma ora lo sono ancora di più. Gli amici, tutti i miei più grandi amici vengono dal tiro con l'arco, il mio ragazzo, tiro anche con la mia famiglia. Sono momenti di condivisione, di dubbio, di stress, di pianto a volte, ma anche di gioia incredibile, di superamento di se stessi! È uno sport molto ripetitivo, e sento molte persone dire"oh, questo è il tipo di sport che non vorrei vedere alle Olimpiadi " o"vorrei cambiare il mio biglietto se mi imbattessi nel tiro con l'arco", ma no, in realtà, venite a vederci fare e farete la storia con noi! Pensate, potremmo essere i primi campioni olimpici dal 1992!

Quale sportivo l'ha ispirata?

Da piccola facevo ginnastica e mi ispirava molto Émilie Le Pennec, che si allenava anche qui! Mi ha colpito perché è uno sport che si matura molto presto, quindi è stata campionessa olimpica a un'età così giovane e guardavo molti servizi su di lei! E nel tiro con l'arco, se dovessi fare un nome, sarebbe una ragazza di nome Lisa Unruh, che ha ottenuto una doppia medaglia olimpica.

Audrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arc

Pensa che la cultura popolare abbia avuto un impatto sul tiro con l'arco o abbia cambiato il modo in cui viene percepito, come ad esempio Hunger Games?

Non so se la cultura popolare e i film abbiano avuto un impatto positivo sul numero di persone che si avvicinano al tiro con l'arco, ma se è così, è fantastico! Penso che quando Sébastien Flute divenne campione olimpico nel 1992, subito dopo ci fu un grande boom di nuovi tiratori nel nostro Paese. Ma ora, invece di dire"ehi Robin Hood", si dice"ehi come va Katniss?" (ride), quindi i riferimenti cambiano un po'!

Il luogo/club della regione parigina in cui ti sei formato e che ha segnato la tua vita?

Da quando sono all'INSEP, mi sono allenata molto nel centro di Chennevières-sur-Marne (94), che è molto grande, con molti obiettivi, e non è molto lontano da dove vivo. A un certo punto della mia carriera, mi ha permesso di uscire dal contesto INSEP e di incontrare altre persone, di sparare per me stesso!

Où pratiquer le tir à l'arc à Paris et en Île-de-France ?Où pratiquer le tir à l'arc à Paris et en Île-de-France ?Où pratiquer le tir à l'arc à Paris et en Île-de-France ?Où pratiquer le tir à l'arc à Paris et en Île-de-France ? Dove posso praticare il tiro con l'arco a Parigi e nella regione Ile-de-France?
Se desiderate scoprire il tiro con l'arco o riprendere questo sport, la capitale e la regione dell'Ile-de-France sono piene di compagnie di tiro con l'arco in tutta la regione. Perché non provare questo sport accessibile a tutti che richiede riflessione, relax e precisione? [Per saperne di più]

Quali consigli darebbe a chi vuole intraprendere questo sport?

Prima di tutto, andate sul sito della FFTA, che contiene tutte le informazioni necessarie per trovare un club vicino a voi! Questo sport ha il vantaggio di essere adatto a tutti i tipi di corpo, è amichevole e si può praticare in famiglia, anche con i bambini piccoli!

Hai un credo, una frase che ripeti spesso per motivarti?

Al momento è"godersi l'arco"!

Qualche parola per i nostri lettori?

Vorrei parlarvi dell'associazione Skin. Con la mia amica Lisa Barbelin, che è nella squadra francese con me, la scorsa stagione abbiamo avuto questo bel progetto di trascorrere una giornata con questa associazione, che lavora per aiutare donne e uomini in remissione dal cancro. Offrono molte attività e laboratori e sono eroi ed eroine di tutti i giorni, quindi non esitate ad andare a vedere cosa fanno!

Audrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arcAudrey - tir à l'arc

Domanda speciale di SAP: ha un posto preferito nella regione che vorrebbe farci scoprire?

Mi piace andare al Madame Arthur's quando abbiamo tempo: è un posto incredibile, con uno spettacolo e un cabaret che si apre con le drag queen e poi si trasforma in una discoteca dove si può ballare fino a mezzogiorno con musica francese, è un posto fantastico! Per il resto, io vivo a Champigny-sur-Marne, e ci sono dei posticini deliziosi sulle rive della Marna dove ci si può rilassare e fare un picnic!

Per scoprire gli altri atleti della serie

Informazioni pratiche
Comments
Affina la ricerca
Affina la ricerca
Affina la ricerca
Affina la ricerca